Smalto Faby Where’s my phone?: opinioni, recensione, swatches

Ciao ragazze, oggi vi parlo di un Faby che trovo meraviglioso per questo periodo. Ha un colore tenue che si avvicina alle tinte pastello predilette per la Primavera, ma declinato in una tonalità vibrante e già estiva con la sua nota acida e tendente al fluo! 

Smalto Faby Where’s my phone?: opinioni, recensione, swatches

PACKAGING: il solito boccettone rondo degli smalti Faby, lievemente grande per essere tenuto in mano o fra le ginocchia, mio consueto posto in cui tengo ferme le boccette, ma fondamentalmente facile da usare. E’ trasparente e lascia vedere il colore preciso. Il tappo è comodissimo e pratico da impugnare grazie alla sua ruvidezza che ne consente una presa salda.

PENNELLO: il pennello si carica della giusta quantità di prodotto senza esagerare, ma trovo che tenda a rilasciarlo in modo non omogeneo come vorrei. Le setole sono tagliate alla perfezione, aspetto meno cutato in alcune altre marche. La comodità dell’impugnatura contribuisce alla stesura precisa.

STESURA: abbastanza scorrevole, anche se la texture è meno fluida degli Essie per cui mi sono trovata a dover stare attenta a non creare accumuli di colore, ma parliamo di lievissime problematiche.

COPERTURA: non è coprente dalla prima passata. Se non abbondo, creando poi problemi di asciugatura, lo smalto tende ad asciugarsi all’istante e a lasciare zone coperte in modo non omogeneo. Consiglio di applicare una prima mano sottile senza pretese di coprire perfettamente e poi passare la seconda mano e attendere la perfetta asciugatura.

ASCIUGATURA: l’asciugatura è lenta. Tende a seccarsi rapidamente il primo strato, ma poi con la seconda mano, occorre attendere davvero a lungo per evitare brutte sorprese. Questa è la mia personale esperienza che ho notato anche con altri smalti, mentre gli Essie o gli Avril che uso più spesso non mi creano questo problema.

FINISH: proprio bello, lucente e glossato.

DURATA: media, soprattuto se aspettate abbastanza tempo prima di applicare la seconda mano. Sulle punte, a me si ritira il secondo giorno, anche non lavorando, però resta poi accettabile fino al quarto giorno.  Dura in misura accettabile, ma niente di più.

RIMOZIONE: la rimozione non crea il minimo problema.

VOTO FINALE: 8/10

Quello che mi piace di più è il finish. Ho usato il top opaco sull’anulare. Credo si noti la lucentezza raffinata di questo smalto. Il colore è più versatile di quel che sembra, ma sicuramente non è indossabile da tutte. Se volete spaziare, troverete recensiti altri Faby fra cui I’m Prosecco che mi ha fatta innamorate dei nude. Trovo che uno dei punti di forza dei Faby siano i colori particolari e l’assenza degli ingredienti più nocivi. E voi indossereste un verde così?


Iscriviti alla newsletter settimanale e ricevi via mail le migliori novità dal mondo unghie e le anteprime sulle attività di testing e invio campioni omaggio da parte dello staff!

Dopo la registrazione, controlla la tua mail e conferma la tua iscrizione =)


Scritto da Lulli

Appassionata di make-up e nails art perché amo i colori. Mamma di pupo spettacolare, ma molto assorbente. Amo viaggiare, leggere, andare a teatro e a ballare (lontani ricordi ormai).

Leggi tutti i posts di Lulli

4 Commenti su “Smalto Faby Where’s my phone?: opinioni, recensione, swatches”

  1. Colore molto carino… ho provato un verde scuro, un verde fluo, perché non un verde confetto?
    Secondo me, ti donano tutti i colori pastello e il rosso classico 😘

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.