Smalti non tossici e sicuri: come riconoscerli

Lo smalto per unghie fa senza dubbio parte del gruppo di cosmetici più amati dalle donne di ogni età, per via della sua capacità di rendere la mano curata e femminile. Non tutti però forse sanno che molti degli smalti in commercio contengono sostanze potenzialmente dannose per l’organismo, che è importante saper individuare prima di effettuare un acquisto.

Lettura dell’INCI per riconoscere gli smalti non tossici

Un elemento che viene in tuo aiuto nell’individuazione e riconoscimento degli smalti non tossici è l’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), ovvero l’indice degli ingredienti contenuti nello smalto e nei cosmetici in genere. Facilmente individuabile sulle bottigliette di smalto, l’INCI di uno smalto privo di sostanze tossiche dovrebbe essere libero da alcune diciture in particolare, tra cui le seguenti: toluene, formaldeide, resina formaldedica, canfora e ftatalati.

Queste sostanze infatti possono portare ad una serie di disturbi più o meno gravi, specie in gravidanza, che vanno dal senso di nausea fino ad arrivare all’irritazione delle prime vie respiratorie e delle mucose; si tratta tuttavia di disturbi che tendono a presentarsi solo in caso di esposizione prolungata ai suddetti elementi.

Smalti non tossici eco-bio

I disturbi causati da toluene, formaldeide, resina formaldedica, canfora e ftatalati sono da considerarsi di maggiore impatto negli smalti semipermanenti, perché l’azione dei raggi UV dei fornetti per unghie aumenta i potenziali rischi di sviluppare problemi alla pelle e alle mucose.

Quali sono dunque gli smalti sicuri da acquistare? Quelli eco-bio rientrano sicuramente tra i cosmetici maggiormente idonei ad un utilizzo sia sporadico che frequente da parte di utenti di tutte le fasce d’età. Questi si possono dividere in tre grandi categorie: i 3-free privi di toluene, formaldeide e ftatalati, i 4-free privi di toluene, formaldeide, ftatalati e canfora ed infine i 5-free privi di toluene, formaldeide, resina formaldedica, ftatalati e canfora.

Risulta quindi ovvio come l’acquisto di smalti liberi da sostanze tossiche rappresenti una scelta consapevole e rispettosa della salute, da operarsi soprattutto in condizioni particolari come la gravidanza oppure l’utilizzo di cosmetici da parte dei bambini.

Tra i marchi più famosi che commercializzano smalti sicuri, ti segnalo Zoya e Faby.

E tu? Presti attenzione all’INCI degli smalti oppure commetti delle piccole pecche? Fammelo sapere lasciandomi un commento qui sotto.

Vota questo articolo, spero ti sia piaciuto =)


Prodotti Ricostruzione Unghie Tutto per le Unghie

Written by Francesca L.

Blogger "seriale", redattrice, web writer freelance.
Appassionata di tendenze, make up, ma soprattutto di nail art. Nella sua vita non manca mai il colore, in particolar modo sulle unghie!

Commenta con Facebook (solo per utenti non registrati)


Nb: i commenti Facebook non concorrono al raggiungimento dei distintivi. Se sei registrata, commenta con il tuo profilo, trovi il modulo "regolare" scorrendo la pagina verso il basso.


10 Commenti

Lascia il tuo commento
  1. Da appassionata di bio diciamo che per i prodotti per unghie chiudo un occhio perché nei brand bio non cè vasta scelta di colori e di effetti particolari ma, se trovo smalti senza gli ingredienti che hai elencato preferisco!

    Vota questo commento
  2. Vorrei, ma è scritto così in piccolo! In genere controllo a casa… quando ormai è troppo tardi, inoltre non sempre si possono sollevare tutte le minuscole etichette appiccicate una sopra l’altra in negozio. Però controllo la provenienza dello smalto (rigorosamente europea, di solito Francia e Lussemburgo, meglio ancora se Italia).

    Vota questo commento
  3. Devo essere sincera, fino ad ora avevo un po’ sottovalutato questo aspetto, ma da oggi in poi farò più attenzione. C’è da dire a mia discolpa, però, che utilizzo solo marchi sicuri come Pupa, Essence e altri europei.

    Vota questo commento
  4. Cerco davvero di prestarci attenzione: la cancerogenicità della formaldeide è stata provata e sto attrnta snche per i mobili e altri prodotti. Lo smalto per me è un indispensabile, ma è giusto sceglierlo attentamente.

    Vota questo commento

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Loading…

Cien Nail polish remover Acetone free: recensione, opinioni e INCI

kiko poker nail laquer swatches

Unghie beige e smalti neutri a chi stanno bene e come portarli