Smalti e prodotti per unghie: le mie più grandi delusioni!

Visto che il “post chiacchiericcio” dell’altra volta ci ha permesso di parlare molto sui nostri prodotti per unghie preferiti, oggi voglio proporvene uno analogo, ma ispirato alle mie più grandi delusioni in campo smalti e nail art

Premetto che quanto scritto qui è assolutamente soggettivo e basato sulla mia personale esperienza. Questo non esclude che molte di voi potrebbero essersi trovate molto bene con i prodotti che elencherò e ciò non toglie credibilità nè a me, nè a voi, nè al marchio.

Smalti e prodotti per unghie: le mie più grandi delusioni!

Avete presente quando rincorrete un prodotto per profumerie, punti vendita online e alla fine, dopo averlo tanto sognato ve lo ritrovate tra le mani, ma… vi delude? Ecco. Questo è quello che è successo a me con gli OPI Infinity Shine.

Ho preso il kit completo: base+top coat  e uno splendido viola lilla. Tutta contenta l’ho applicato subito, forte del fatto che in rete avevo letto tantissime recensioni positive. Bellissimo finish, colore intenso e pieno, ma….

L’indomani si è sbeccato su un dito, dopo 3 era da rimuovere completamente.

Ci ho riprovato la settimana dopo. Niente. Mi è durato sì e no 48 ore intatto, poi è saltato via un po’ ovunque. Deludente, considerando che promettono di durare fino a 10 giorni. Peccato, peccato, peccato!

Layla One Step Pen +

Altra delusione è stata la One Step Pen + Layla. Sul web le recensioni super positive dicono che è comodissima: si tratta di un semipermanente in formato penna che si applica in un solo passaggio, senza top coat e senza base.

Con tanta gioia ho comprato la numero 111, Hunter, bel verde scuro. Già dalla prima stesura ho riscontrato un problema: mi creava un sacco di bollicine d’aria.

Leggendo un tutorial trovato sul web ho compreso che non bisogna premere troppo, ma nemmeno andarci troppo leggeri. Insomma, occorre imparare a stendere il prodotto correttamente.

Una volta superato l’ostacolo, il colore risulta molto lucido e pieno, ma poco durevole. Sì, perchè dopo un paio di giorni ha iniziato a saltarmi via sulle punte (sì, prima che me lo chiediate, le avevo rimboccate bene).

Altro grande problema è stata la rimozione: per nulla semplice, ho dovuto andarci di “buffer selvaggio”. Mi spiace un po’ perchè in generale con i prodotti Layla mi sono sempre trovata bene. Questa, probabilmente, è l’eccezione che conferma la regola.

Il top coat dei Rimmel Super Gel

Ho comprato il duo Rimmel Super Gel pochi giorni dopo l’uscita in Italia e ho preso due colori, un turchese acceso e un blu scuro. Purtroppo questo prodotto ha un grande difetto: il top coat impiega troppo tempo per asciugare.  

Non so se è successo solo a me: ma, nel mio caso, ci ha messo più di mezz’ora!

Le nuance, in compenso, sono splendide! Infatti uso normalmente questi smalti con altri topper. Non dureranno tantissimo, ma almeno dopo un quarto d’ora posso usare le mani. 

(foto di diversi mesi fa)

Top Coat effett Granito di Essence

Tra i vari scaffali dello stand da 3 metri di Lillapois ho scovato questo top coat “effetto granito”.

Ho pensato sin da subito che fosse un’ottima idea.  E quindi l’ho provato a casa seguendo scrupolosamente tutte le istruzioni. Ebbene, l’effetto non mi piace per nulla.

Rimane di un colore indecifrabile, con dei “pallini” che dovrebbero dare un effetto pietra, ma che invece risultano così piccoli da non notarsi nemmeno. Poco importa, tuttavia, l’ho pagato meno di 3€ ..

E tu, hai avuto qualche brutta delusione in campo smalti o nail art? Ti senti di condividere con noi la tua esperienza? Se la risposta è sì, lasciaci un commento!

Vota questo articolo, spero ti sia piaciuto =)

Prodotti Ricostruzione Unghie Tutto per le Unghie

Written by Francesca L.

Blogger "seriale", redattrice, web writer freelance.
Appassionata di tendenze, make up, ma soprattutto di nail art. Nella sua vita non manca mai il colore, in particolar modo sulle unghie!

19 Commenti

Lascia il tuo commento
  1. Ero incuriosita dal top coat effetto granito di Essence ma mi sa che ho fatto bene a non prenderlo! Una delusione non recentissima è stata il top coat effetto gel di Pupa: il terzo giorno lo smalto era pieno di orrende crepe.

    Vota questo commento
  2. Anche io ho avuto le mie delusioni, e su alcuni dei prodotti in questione avevo riposto grandi aspettative.
    -Un topper P2 di cui non ricordo il nome. Terribile.
    -Uno smalto color cipria metallizzato di Essence, finish troppo striato.
    -L’olio cuticole Essence all’albicocca, al contrario di quello giallo all’Argan, puzza da morire.
    -Il topper effetto Gummy mat di Essence, non asciuga presto e l’effetto è blando.
    E ora passiamo alle delusioni vere e proprie:
    -Indurente Hard as Nails, Hard as Wraps di Sally Hansen, più denso di una colla e non indurisce come pensavo.
    -Insta-Dry Anti-Chip Top Coat di Sally Hansen. Anti-chip neanche per sogno, fa più crepe di un terremoto.
    -Topper No Chips Ahead di Essie. Semplicemente non si asciuga mai.
    -Topper SuperGel di Rimmel, ci mette secoli per asciugarsi e dopo un po’ cominciano a vedersi piccole crepe.
    Come vedete, la maggior parte sono top coat XD

    Vota questo commento
  3. Anche io con i prodotti Layla mi sono sempre trovata benissimo, peccato per la tua brutta esperienza. Il top coat Essence sembrava interessantissimo peccato che la resa sia pessima.
    Ora passiamo alle mie delusioni:
    – Uno smalto Golden Rose che, dopo più di un’ora, ancora non risultava asciutto; l’ho buttato senza riuscire mai a capire quanto tempo ci volesse per farlo asciugare ahaha
    – Gli smalti Velver Satin della Kiko, mi durano pochissimo
    – Lo smalto Lost In Glitter della P2 messo la mattina e dopo un paio di ore era venuto completamente via su diverse unghie

    Vota questo commento
  4. La mia delusione più grande è stato lo smalto in penna di Ciatè, non si riesce ad applicare eppure dal video tutorial sembrava facilissimo, io l’ho buttato subito

    Vota questo commento
  5. La penna One Step di Layla è veramente pessima… l’ho provata anche io e, oltre ai difetti che hai citato, ci aggiungerei il fatto che bisogna fare 3-4 passate per ottenere una buona coprenza. A momenti, fai prima a farti la ricostruzione

    Vota questo commento
    • Mi spiace che anche tu abbia avuto pessime esperienze. Il mio colore essendo molto scuro ha richiesto solo due passate, come tanti altri semipermanenti. Ma nel tuo caso 3-4 sono decisamente troppe! Che colore era?

      Vota questo commento
  6. Sugli infinity di OPI avevo fatto il pensierino anch’io! Peccato anche gli altri che descrivi tu e le altre amiche. Io mi sono trovata malissimo con uno di Anikache prometteva durata estrema anche grazie al top, invece sbeccato dopo poche ore e il top era terribile perchè sugli altri smalti (passati il giorno prima quindi asciutti) li portava via, poi dicevano che serviva il solvente da semipermanente e invece bastava il mio senza acetone di Essence. Ho poi preso lo smalto normale che ha una pessima texture, ma almeno lui dura. Poi quelli di Kiko che, secondo una mia amica, si asciugavano in pochissimo tempo e invece erano i più lenti di tutti.

    Vota questo commento

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Top Coat ZOYA: opinioni, recensione e swatches di “Chloe”

Smalti Christian Louboutin Metalinudes Chromatic Nails: sogniamo un po’!