Le unghie devono respirare? Tra leggenda e verità

sembre unghie più lunghe

Quante volte ci capita di pensare o di sentirci dire che ” le unghie devono respirare”.  Di conseguenza moltissime donne interrompono il semipermanente, la ricostruzione o semplicemente evitano di mettere lo smalto colorato. Ma è vero che le unghie hanno bisogno di respirare? Ecco la risposta a questa domanda!

Le unghie respirano?

Prima di rispondere a questa domanda, vi faccio un breve ripassino sulla composizione delle nostre unghie delle mani e dei piedi. Sono costituite quasi interamente di cheratina (la stessa dei capelli) e, in piccole percentuali, anche da vitamine, sali minerali, grassi, aminoacidi e acqua.

Il letto ungueale, ossia la parte rosa, è raggiunto da alcuni vasi sanguigni che trasportano ossigeno e sostanze nutritive in questa zona del nostro corpo.

Da questo potrai facilmente intuire che le nostre unghie ricevono l’ossigeno dal sangue e non hanno bisogno di “respirare” all’aria aperta anche perchè, a differenza della pelle, non hanno pori. Quindi no, non è vero che le unghie hanno bisogno di respirare. 

Si tratta di una convinzione molto diffusa, ma errata.  Ovviamente il consiglio è comunque sempre quello di non tenere lo smalto, il gel o il semipermanente tutti i giorni senza alcuna pausa. 

Lasciagli il tempo di riposare. Non avranno bisogno di respirare, ma come tutte le zone del nostro corpo ogni tanto vanno coccolate e lasciate al naturale.

In questo periodo di stop, andrebbero applicati oli nutrienti come quello di mandorle o argan, un toccasana per le tue unghie un po’ stressate. 

sembre unghie più lunghe

Allora perchè si pensa che le unghie debbano respirare?

Il pericolo di utilizzare con costanza smalti, gel e semipermanenti non risiede nel fatto che impediscono la respirazione dell’unghia. Il rischio è costituito dalla limatura e dalla fresatura che, se mal eseguite, possono danneggiare la struttura delle lamine creando ferite e micro-fratture che potrebbero infettarsi.

Il problema quindi non è tanto la ricostruzione o il gel di per sè, ma la relativa abrasione degli strati più superficiali dell’unghia, che, seppur leggera, potrebbe esporre le nostre dita a germi, batteri, micosi.

E tu? Come la pensi? Le unghie devono respirare o no? Ti concedi una piccola pausa ogni tanto o tieni sempre smalto/gel/semipermanente? Parliamone insieme nei commenti.

NB; l’articolo è stato scritto a titolo informativo, non ha valore medico. In caso di dubbi è sempre bene rivolgersi al proprio medico o ad un dermatologo.


Iscriviti alla newsletter settimanale e ricevi via mail le migliori novità dal mondo unghie e le anteprime sulle attività di testing e invio campioni omaggio da parte dello staff!

Dopo la registrazione, controlla la tua mail e conferma la tua iscrizione =)


Scritto da Francesca L.

Blogger "seriale", redattrice, web writer freelance. Appassionata di tendenze, make up, ma soprattutto di nail art. Nella sua vita non manca mai il colore, in particolar modo sulle unghie!

Leggi tutti i posts di Francesca L.

9 Commenti su “Le unghie devono respirare? Tra leggenda e verità”

  1. Articolo molto interessante, letto tutto con attenzione! Personalmente non faccio quasi mai pause tra una manicure e l’altra, rimango senza smalto al massimo un giorno..

  2. Su questo argomento ci sono diverse teorie e molti la vedono in modo diverso.Io uso molto spesso lo smalto e tra un cambio e l’altro curo le mie unghie e si, saranno anche forti, ma non credo che siano così rovinate.Indubbiamente fare una pausa tra un cambio smalto e l’altro non fa male!

  3. ma lo sai che è una cosa che leggo spesso nelle recensioni on line che le unghie hanno bisogno “di respirare”? 😀 hai fatto bene a voler chiarire!!

  4. Ho sempre fatto pausa coccole fra uno smalto e l’altro in più una pausa la faccio coincidere con una delle mie nuotate in piscina perchè comunque lo smalto fatica a reggerle. Avendo le unghie sfaldate uso oli e prodotti topici che a volte ppssono fare da base e a volte no, però poi non vedo l’ora di riapplicare lo smalto perchè mi deprime vederle ridotte così.

  5. Francesca, grazie delle spiegazioni. Io cambio smalto molto spesso, però lascio anche le unghie libere con molta frequenza, cercando di curarle perché resistano meglio e siano più sane.

  6. Ci sono opinioni contrastanti: avevo già sentito dire che le unghie non respirano (inteso nel senso che non assorbono dalla superficie), ma molti smalti scrivono che permettono “il naturale processo di respirazione dell’unghia mantenendola idratata”. Comunque cerco sempre di fare una pausa di ventiquattro ore (con crema, olio oppure maschera) prima della successiva nail art.

  7. Intanto io tempo fa avevo le unghia belle perché avevo scoperto una cosa.
    Facevo la manicure ogni domenica, poi il venerdì toglievo lo smalto e per due giorni mettevo sempre la crema mani e unghie. Poi la domenica mattina nuovamente mettevo lo smalto… Non l’ ho fatto più perché mi era finita la crema bella, non l’ ho più ricomprata e mi sono messa a lavorare … la differenza si nota.

  8. Io le lascio “respirare” ma non perché abbiano bisogno di aria, ma piuttosto di tregua una volta ogni tanto, che lasci le unghie lontane da solventi, lime, frese e simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.