Karkadè: proprietà e benefici del thè di Ibisco

fiore karkade

Il Karkadè: un vero alleato della salute!

Il Karkadè, chiamato anche thè di Ibisco, è una bevanda dal classico colore rosso scarlatto che deriva dall’infusione dell’ Hibiscus, una pianta che fa parte della famiglia delle malvacee. Può essere consumato sia caldo che freddo ed è particolarmente apprezzato in quanto il caratteristico sapore leggermente acidulo permette di combattere la sete e la disidratazione.

Proprietà diuretiche e antisettiche:

Una delle caratteristiche principali di questa bevanda è quella di essere un buon diuretico e di permettere, di conseguenza, l’eliminazione delle scorie e la depurazione dell’organismo.

Questo beneficio si unisce all’azione antisettica e anti infiammatoria naturale che rendono il Karkadè un valido alleato nella cura delle infezioni e nella protezione dell’apparato urinario.

fiore karkadè
Fiori di Karkadè

Lenitivo e anti arrossamento

Questo infuso ha anche proprietà lenitive e anti arrossamento: potete utilizzare un impacco a base di questo fiore per rinfrescarvi dopo l’esposizione al sole, in caso di cute secca e screpolata e in tutti i casi di pelle sensibile, magari in associazione con altre piante come la malva.

Leggi approfondimento: Malva: proprietà cosmetiche, benefici e utilizzo

Un alleato della circolazione sanguigna:

Grazie alla capacità diuretica e alla presenza di flavonoidi, questa pianta ha caratteristiche angioprotettive. Sembra infatti che sia molto utile in caso di problemi di circolazione e di lieve ipertensione arteriosa.

Ovviamente non è un sostituto di medicinali appositamente pensati per i casi più gravi: è consigliabile sempre consultare un medico specialista prima di assumere qualsiasi cura in caso di pressione sanguigna elevata e di altri problemi circolatori ed evitate sempre l’auto- terapia!

Azione lassativa e controindicazioni:

Infine linfuso di Karkadè è leggermente lassativo, proprio per questo è sconsigliato l’uso eccessivo di questa bevanda.

E’ anche consigliabile consultare il ginecologo o il medico curante in caso di gravidanza ed allattamento e evitarne l’uso qualora si soffra di disturbi legati alla pressione bassa ( ipotensione).

Ciao! Se vuoi restare in contatto con noi, seguici anche su Instagram =)



Iscriviti alla newsletter settimanale e ricevi via mail le migliori novità dal mondo unghie e le anteprime sulle attività di testing e invio campioni omaggio da parte dello staff!

Dopo la registrazione, controlla la tua mail e conferma la tua iscrizione =)


Scritto da Francesca L.

Blogger "seriale", redattrice, web writer freelance. Appassionata di tendenze, make up, ma soprattutto di nail art. Nella sua vita non manca mai il colore, in particolar modo sulle unghie!

Leggi tutti i posts di Francesca L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.