Come scegliere il solvente giusto per unghie!

By | Agosto 9, 2018
unghie lunghe forti robuste

Per la salute delle mani e delle unghie è indispensabile scegliere il solvente giusto per eliminare il nostro smalto e le nostre nail art in maniera sicura e senza danneggiare questa importante zona del nostro corpo.

Un prodotto troppo aggressivo, non adatto, oppure carico di ingredienti nocivi potrebbe indebolire la superficie ungueale, assottigliarla, creare delle sfogliature e arrossare le cuticole. Ecco come una guida alla scelta del giusto prodotto per rimuovere il nostro colore e le nostre decorazioni senza preoccupazioni!

I solventi senza acetone:

Sia che portiate la ricostruzione, sia che abbiate unghie naturali lunghe o corte è indispensabile che il solvente per unghie non contenga acetone. Questa sostanza, largamente usata in passato, secca la superficie e puo’ causare arrossamento e disidratazione delle cuticole.

Se avete un vecchio “acetone” usatelo solamente per pulire i dischetti per lo stamping, le vaschette per nail art o altri attrezzi per manicure ( non i pennelli perchè si rovinano). E dopo averlo usato arieggiate bene il locale: inalarlo non è assolutamente salutare.

Solventi per unghie privi di questo componente ormai ce ne sono tantissimi e di varie marche: Kiko, Essence, Mavala e altri, li potete riconoscere perchè di solito l’assenza di questo ingrediente è ben specificata sull’etichetta.

Per rimuovere al meglio lo smalto, imbevete un dischetto leva trucco o un patch di ovatta nel liquido e passatelo sulle unghie con movimenti circolari, senza premere troppo per non arrossare il letto ungueale ( la parte rosa).

 

Solventi appositi per nail art:

Esistono anche solventi per unghie senza acetone specifici per colori molto pigmentati o per rimuovere nail art che prevedono strass, glitter e adesivi. Ad esempio il solvente viola Strong & Clean di Essence è ottimo per questo scopo, ma attenzione perchè leggendo attentamente l’elenco di ingredienti, ho scoperto che contiene acetone.

Consiglio quindi di usarlo solamente in caso di nail art particolarmente difficili da rimuovere e di usare quello rosa, acetone free, per tutto il resto.

 

Barattolini leva smalto:

La nuova generazione di prodotti per rimuovere il colore e i decori è quella dei barattolini levasmalto. Non sono altro che contenitori con all’interno una spugnetta impregnata di solvente in cui immergere il dito. Sono rapidi, veloci e non vi sporcherete la pelle se utilizzate colori molto pigmentati. In foto vedete quello di Sephora.

Solvente per unghie senza acetone

Per scoprire come realizzare un comodissimo barattolino levasmalto a casa tua senza doverlo acquistare, clicca qui e leggi l’articolo dedicato!

Penne correggi smalto:

Adatte per ritoccare le piccole sbavature alla fine della vostra nail art. Sono penne con una punta sottile imbevuta di solvente per unghie che permette di eliminare gli errori sulle cuticole senza togliere tutto lo smalto.

Anche in questo caso occorre fare attenzione che non contengano acetone. Tantissimi marchi le commercializzano, qui in foto vedete quella commercializzata da Essence e provata da Lulli.

Dischetti rimuovi smalto:

Se siete in viaggio sono molto comodi i dischetti rimuovi smalto. Sono piccoli patch di cotone già imbevuti di solvente per unghie, di solito venduti in una confezione da borsetta. Ideale anche per rimuovere velocemente a casa colori tenuti e non troppo carichi di pigmenti.

Spero con questo articolo di avervi dato qualche indicazione su come scegliere il solvente per unghie. Mi raccomando, leggete sempre l’etichetta di quello che comprate e assicuratevi che non contenga acetone per il bene vostro e della vostra salute! Nel frattempo ti consiglio anche di dare un’occhiata alle istruzioni per leggere l’inci dello smalto e l’articolo dedicato a come rinforzare le unghie fragili.

E tu, quale solvente per unghie utilizzi? Ne hai diversi per diversi scopi oppure hai un “solvente di fiducia”? Dimmelo in un commento!

5 Commenti su “Come scegliere il solvente giusto per unghie!

  1. G.

    il solvente è un elemento fondamentale, io evito quelli con acetone e scelgo formule più ricche e meno aggressive, tengo conto anche dell’odore..

    Reply
  2. Nailartenon

    Da quando è uscito il solvente di Essence con olio di mandorle è diventato “solvente di fiducia”. Mi piace perché non lo trovo aggressivo e l’odore è molto meno sgradevole rispetto ad altri. Per rimuovere nail art difficili o smalti molto glitterati utilizzo la versione “extra power” con acetone.

    Reply
  3. Lulli

    Sto molto attenta ad evitare l’acetone e amo anche la formula ad immersione utilissima per rimuovere da un solo dito senza rischi e molto rapido e delicato. Evito comunque sempre di sfregare.

    Reply
  4. Chiara

    Da quando “frequento” questo sito sto molto più attenta al solvente e devo dire che la differenza si vede:le unghie soffrono molto meno e non si disidratano,visto che cambio spesso smalto

    Reply
  5. francesca6

    Cerco sempre di evitare l’acetone, ma quello Essence (Extra power) è molto utile. Per il resto, principalmente alterno Essence a Bottega Verde.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.