Pennello smalto: quale scegliere e perchè è importante

Sicuramente avrete notato che uno dei punti che viene trattato nelle recensioni dei prodotti per unghie è la praticità del pennello dello smalto. Anche se spesso viene sottovalutato, questo elemento è molto importante per garantire una stesura rapida, precisa e facile, soprattutto con la mano debole. Ma quali sono le caratteristiche di un buon pennello per smalto e quale scegliere? Vediamolo subito!

Pennello smalto: quale scegliere?

Prima di tutto, occorre precisare che secondo me un buon pennello per lo smalto deve essere sagomato in modo che sia semplice stendere il prodotto con precisione senza toccare eccessivamente il giro cuticole. Al di là del fatto che sia maxi o mini, per me è importante che abbia una sezione tonda, che ben si adatti alla forma delle unghie.

Inoltre, personalmente, tendo a non apprezzare troppo i pennelli che si aprono in maniera eccessiva con l’intento di coprire al primo passaggio tutta l’unghia. Sono comodi se si ha un letto ungueale largo, ma risultano inutilizzabili su chi ha una superficie piccola in quanto sporcano troppo ai lati, costringendoci ad usare penne correggi-smalto e metodi vari per rimuovere le sbavature.

Io su questo aspetto non ho problemi perchè ho un letto ungueale piuttosto ampio, ma quando si tratta di applicare il colore su altre persone, ad esempio su mia sorella Mary, devo ricorrere a pennelli più sottili. Non si tratta di bravura o meno nello stendere lo smalto, ma proprio di una difficoltà oggettiva.

Pennello smalti TNS: uno dei migliori che io abbia mai usato!

Un altro grande problema che ho riscontrato con alcuni marchi è quella del pennello che “svirgola”, ossia, si apre in modo non uniforme, con ciocche di setole che vanno un po’ per conto loro, inclinandosi e rendendo difficile un’applicazione precisa.

Pennello maxi vs pennello sottile: la sentenza

Ormai molti smalti di marchi famosi sono dotati del famoso “maxi brush” a setole tonde: Kiko, Essence, Deborah, Debby, L’Oreal e tanti altri. Personalmente io li adoro, perchè, come ho accennato in precedenza, ho un’ampia superficie ungueale e  questo tipo di pennello mi permette di applicare in pochissime mosse il colore.

Il difetto, tuttavia, è che questa tipologia di applicatore non è molto preciso sui lati e per riempirli si corre il rischio di sporcare la pelle ai lati dell’unghia.

Riassumendo, il maxi pennello va bene per chi ha un letto ungueale ampio, unghie di media lunghezza e necessita di una stesura veloce in poche mosse.

Pennello dei L’Oreal Colore ad Olio
Pennello smalti Essence
Pennello smalti Deborah Gel Effect
Pennello Kiko nuovo pack

Sebbene io sia una fan dei brush “cicciotti“, ho provato alcuni smalti dotati di pennello medio/ sottile e non mi sono trovata male. Questa tipologia di applicatore, infatti, ha un grande vantaggio: quello della precisione. Non sbavano e si adattano molto bene alle unghie più piccoline. Il contro è, ovviamente, che su letti ungueali più grandi bisogna dare più passate. ma credo che non sia poi un difetto così grave.

Riassumendo, il pennello sottile va bene per chi ha unghie piccole, non ha fretta e vuole il massimo della precisione, soprattutto ai lati.

Pennello Astra My Laque
Pennello smalti Essie
Pennello Kiko Vercchio Pack

E tu da quale parte stai? Preferisci i pennelli più sottili o i maxi? Dimmelo in un commento e parliamone insieme!

Written by Francesca L.

Blogger "seriale", redattrice, web writer freelance.
Appassionata di tendenze, make up, ma soprattutto di nail art. Nella sua vita non manca mai il colore, in particolar modo sulle unghie!

5 Commenti

Lascia un commento
  1. il pennello è fondamentale hai ragione, io preferisco quelli più cicciotti perché con una o due passate applico lo smalto, e con la punta più arrotondata/sagomata, però devo dire che non ho problemi nell’applicazione dello smalto a meno che non vado di fretta come mi capita a volte e quindi non sono precisissima nel giro cuticole, ma più che altro è una questione di tempo, di pennelli che svirgolano per fortuna non ricordo di averne, fastidiosi!

  2. Io trovo fantastici i pennelli Essie sottili, sagomati perfettamente senza peli che vanno per i fatti loro e non si aprono troppo a ventaglio, ma hanno un serbatoio molto capiente per cui permettono anche l’intera mano su un’unghia senza problemi. Odio abbastanza i pennelli cicciotti invece anche se non ho unghie troppo piccole, ma poi li apprezzo quando ho molta fretta.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Smalti Kargi: opinioni, recensione, swatches del color Tiffany

Come usare il nail art foil