Manicure Giapponese: cos’è e come si esegue

Tutti conosciamo la manicure tradizione, la ricostruzione unghie e la cura delle mani che solitamente si esegue nei saloni estetici europei. Dopo avervi parlato della californiana, oggi vi spiego cos’è e come si esegue la manicure Giapponese, detta anche p-shine.

Cos’ha di speciale la Manicure Giapponese

Questo metodo proviene dall’estremo oriente e cura le unghie e le mani grazie ad uno speciale trattamento a base di cera d’api e una particolare lima rivestita di pelle di camoscio che dona lucentezza e vitalità alla superficie ungueale senza la necessità di applicare smalti o altri prodotti indurenti.

manicure giapponese

Photo Credit uv gel unghie

Proprio per l’assenza di nail polish, questa pratica è molto indicata anche gli uomini e per chi, per motivi professionali oppure igienici non può indossare colori e trattamenti artificiali come quelli che comunemente si vendono nei negozi e nelle profumerie.

Come si esegue:

1) Il primo passo è quello di mettere a bagno le mani per qualche minuto in modo da ammorbidire le cuticole e poterle spingere facilmente indietro con un bastoncino di legno di arancio.

Dopo aver fatto questo, occorre limare la superficie delle unghie con una speciale lima a grana molto sottile, molto simile al penultimo passaggio della 4 e 6 fasi.

Se eseguita a livello professionale o se dovete trattare unghie di una seconda persona è consigliabile prima disinfettare gli strumenti e le mani con un prodotto apposto, che potete trovare in tutti i negozi che trattano articoli di onicotecnica.

manicure giapponese

2) Dopo aver esfoliato il letto ungueale si procede applicando una pasta a base di cera d’api stendendola sempre in un’unica direzione con le dita o con la speciale lima di camoscio ( detta, appunto, p-shine).

3) Si passa la polvere apposita lucidante ( sempre a base di cera d’api) e si strofina delicatamente sull’unghia con lo strumento di pelle per donare un’estrema brillantezza e levigare la superficie rendendola brillante quasi come se si fosse applicato uno smalto trasparente.

manicure giapponese

Al temine della manicure giapponese è consigliabile applicare un olio per cuticole su tutto il contorno in modo da nutrire questa zona ed evitare che si arrossi o si secchi.

La durata è di circa un paio di settimane, può arrivare sino a tre se non si tengono molto le unghie a bagno o se non si maneggiano detergenti aggressivi quotidianamente.

Puoi comprare il kit per la manicure giapponese nei negozi specializzati in ricostruzione unghie e nail art oppure su Amazon:

E voi, conoscevate la manicure giapponese? L’avete mai eseguita o richiesta? Ditecelo in un commento!


Prodotti Ricostruzione Unghie Tutto per le Unghie

Scritto da Francesca L.

Blogger "seriale", redattrice, web writer freelance. Appassionata di tendenze, make up, ma soprattutto di nail art. Nella sua vita non manca mai il colore, in particolar modo sulle unghie!

Leggi tutti gli articoli di Francesca L.

7 Commenti su “Manicure Giapponese: cos’è e come si esegue”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.